+39 393 6313862 info@poweryogarimini.it

YIN YOGA

Lo yoga Yin è una pratica meravigliosamente deliziosa che ci aiuta a guarire sia il cuore che la mente. Ci permette di stare seduti dentro di noi, di stare fermi e di notare ciò che il corpo e la mente ci stanno dicendo.
Si differenzia enormemente da Vinyasa ma è il complemento perfetto! Con una pratica yoga Yin e Yang, stai creando un bellissimo equilibrio nei tuoi sistemi energetici e un senso unico di calma che sentirai sia fisicamente che mentalmente.
I tessuti Yin e Yang rispondono in modo diverso all’esercizio fisico. I muscoli richiedono calore e movimento per rilasciare in una pratica Yang come Vinyasa, mentre il tessuto connettivo risponde meglio alle lunghe prese stabili all’interno di una pratica Yin. Ecco nove motivi per praticare regolarmente lo yoga Yin.

1. Yin aumenta la tua flessibilità.
Lo yoga Yin allunga e bersaglia sia i tessuti connettivi profondi tra i muscoli, sia la fascia in tutto il corpo. L’obiettivo è aumentare la circolazione nelle articolazioni e migliorare la flessibilità man mano che le pose si allungano e si allenano le ossa e le aree articolari. Ci aiuta anche a regolare il flusso di energia del corpo.
2. Puoi praticarlo praticamente ovunque.
Lo yoga Yin è molto portabile. Non hai sempre bisogno di un tappetino: l’unica cosa che potresti aver bisogno di introdurre Yin nella tua giornata è un cuscino o cuscino! La maggior parte delle posizioni yoga Yin si possono tenere seduti alla scrivania, guardando la TV, leggendo o sdraiati a letto!
I miei preferiti personali quando sono a corto di tempo sono: Square, Butterfly, Deer o Shoelace Pose.
3. Yin promuove l’amore per se stessi.
Lo yoga Yin è sorprendente per aprire i nostri cuori, calmare i nostri sistemi nervosi e fornire uno spazio per il corpo a rilassarsi profondamente. Ci permette anche di recuperare e nutrire noi stessi, lavare via le nostre paure e coltivare la compassione e l’amore per noi stessi.
Praticare Yin è come ringraziarti per essere così fantastico. Ci aiuta a costruire l’assoluta fiducia in se stessi e la fede in quanto siamo meravigliosi, ogni giorno! Questa pratica è un modo meraviglioso per coloro che si sono staccati dal proprio corpo per riconnettersi in modo gentile e compassionevole.
4. Scioglie lo stress.
Domanda: Qual è la parte del corpo che utilizziamo di più, ma probabilmente dedichiamo la minima quantità di tempo a prenderci cura di noi?
Risposta: le nostre menti!
Viviamo in un mondo di scadenze e appuntamenti, follia e social media, ansia e stress. Quale modo migliore di spegnere che stare seduti in pose da tre a dieci minuti? Facendo Yin, ti stai dando un sacco di tempo per fare nient’altro che “solo respirare”.
È un modo veramente perfetto per trovare lo spazio, per rallentare la mente e per essere guidato più a fondo nella tua pratica.
5. Yin ti permette di diventare intimo con te stesso.
Preparati ad entrare in intimità con i tuoi sentimenti, sensazioni ed emozioni – qualcosa che può forse essere ignorato durante una lezione più veloce.
Quando iniziamo a praticare Yin, impariamo ad ascoltare i nostri corpi, rallentando tutto. Impariamo a riconoscere i nostri pensieri, a vederli entrare ed uscire dalla nostra mente, a sperimentarli e digerirli, invece di farli correre attraverso la nostra mente come un ottovolante scappato.
Questo a sua volta aumenta la nostra capacità di essere nel momento presente e praticare la gratitudine, avvicinandoci lentamente al nostro sé autentico.
6. Costruisce la forza e la perseveranza.
Quando la vita diventa dura, mi troverai sul mio tappeto a praticare lo Yin e il mondo diventa rapidamente un posto migliore! Quando sei bloccato mentalmente e il potere di andartene è travolgente, Yin ti insegna che stare fermi e affrontare qualunque cosa salta un respiro alla volta ti aiuterà effettivamente a crescere.
Mentre proteggiamo la nostra posa Yin, il dramma si fa più acuto, è più difficile ignorare la mente delle scimmie, e iniziamo davvero a voler lasciare la posa. Yin ci insegna a trovare un luogo di conforto in un luogo non così confortevole e ad osservare i nostri pensieri e reazioni da una prospettiva di calma.
È una pratica che può essere portata nella nostra vita quotidiana.
7. Lo Yin è come la meditazione per i principianti.
Durante la pratica Yin ti troverai con molto tempo a disposizione. Qui, ti trovi faccia a faccia con la possibilità di iniziare una delicata pratica di meditazione, per rallentare il respiro e calmare la mente.
Il tuo insegnante ti guiderà attraverso la tua pratica, offrendo modi per mantenere la tua mente concentrata e per fermare il tuo corpo e i tuoi pensieri dal voler scappare.
Lo yoga Yin fornisce un luogo sicuro in cui la mente e il corpo possono entrare e conseguentemente ottenere una maggiore crescita personale attraverso un’esperienza meditativa e beata una volta che ti apri alla vastità dentro te stesso.
8. Ti permette di liberare i tuoi demoni.
Quando viene tenuto a lungo, ciò che sembra una posa semplice e inoffensiva può trasformarsi in qualcosa di super impegnativo. Questo è ciò che fa Yin: le pose e il modo in cui sono trattenute possono rilasciare sensazioni incredibilmente forti, sia fisicamente che emotivamente.
Vedi, immagazziniamo le nostre emozioni nelle varie parti del nostro corpo. I ricordi, le ansie e le tensioni persistono nelle cellule immagazzinate nei nostri tessuti. Quando entriamo in una posa yoga che apre una parte del corpo rimasta intatta per un po ‘, questi ricordi e emozioni profondamente immagazzinati riemergono.
Fare ciò può essere difficile in questo momento, e può portare a una vasta gamma di reazioni come lacrime, rabbia e frustrazione pura, ma in seguito porta al nostro punto finale …
9. Yin ti dà un favoloso bagliore
Praticare Yin ti dà quel bagliore sognante in cui trovi quel momento di pace assoluta dentro te stesso.
Mentre ti senti come se non avessi nemmeno rotto il sudore alla fine della lezione, la tua mente, il tuo corpo e lo spirito si sono esibiti su un livello molto più profondo, più intenso, lasciandoti con una mente più chiara, un corpo più leggero, e un cuore più pieno.
testo di Conchita Capuano